CONFERENZA STAMPA: PREMIO QUALITA’ ASSISTENTI FAMILIARI-BADANTI
CONFERENZA STAMPA: PREMIO QUALITA’ ASSISTENTI FAMILIARI-BADANTI

Scenario

Molte sono le assistenti familiari – badanti che nel corso degli anni hanno dimostrato adeguate capacità nello svolgimento del loro lavoro nonchè una particolare sensibilità e disponibilità nei confronti dell’assistito, della famiglia e di conseguenza nei confronti dell’associazione. Alcune di loro si sono particolarmente distinte e l’associazione a nome e per conto delle famiglie ha deciso di istituire un PREMIO QUALITA’.

In generale nella produzione dei servizi, a maggior ragione in quella dei servizi alle persone la qualità è data dalla combinazione, dall’integrazione dell’attività, dei comportamenti dei diversi soggetti: assistito-famiglie, associazione, prestatore del servizio. 

Obiettivo

L’obiettivo generale dell’associazione è quello di contribuire a risolvere il bisogno di assistenza familiare fornendo la migliore assistenza in fase di identificazione del bisogno, ricerca del personale, stipulazione e gestione del contratto. Tale obiettivo sempre più si caratterizza per uno sforzo di programmare e fornire qualità. In ciò la componente “personale” è decisiva e l’associazione deve utilmente stimolare i comportamenti che concorrono alla qualità dell’assistenza: l’obiettivo è quello di indicare la via da seguire, di premiare, di stimolare comportamenti virtuosi.

La proposta

Viena istituita, a partire dal corrente anno, la “Giornata della QUALITA’ dell’assistente familare”, indicativamente l’ultimo sabato di ottobre

Viene riconosciuto, a partire dal corrente anno, all’assistente familiare-badante una somma il cui importo è stabilito da parte del Consiglio Direttivo in sede di approvazione del Bilancio Consuntivo

La proposta, i criteri di attribuzione

  1. L’assistente familiare-badante collabora con l’associazione da almeno 3 anni
  2. L’associazione non ha mai ricevuto “note di demerito” da parte delle famiglie dove ha lavorato
  3. L’associazione ha ricevuto apprezzamenti dell’assistenza prestata direttamente dalle famiglie, amministratori di sostegno, medici ed assistenti sociali
  4. L’assistente familiare-badante ha dimostrato flessibilità, disponibilità alle sollecitazioni della famiglia e dell’associazione
  5. L’assistente familiare-badante ha segnalato a NOIconVOI persone-badanti che si sono dimostrate valide collaboratrici, che hanno poi dato esito ad assunzioni presso le famiglie associate
  6. L’assistente familiare-badante ha segnalato alla famiglia l’associazione NOIconVOI quale realtà alla quale, associarsi, stipulare il contratto ed essere seguiti dalla stessa nelle varie incombenze.

La proposta, l’indicazione e l’attribuzione

L’indicazione delle potenziali assistenti familiari-badanti avviene da parte dello staff dell’associazione, secondo i criteri di cui sopra, l’attribuzione del premio avviene ad insindacabile giudizio del Consiglio Direttivo, nelle modalità di attribuzione ed erogazione e nell’ammontare dello stesso.

Montebelluna, settembre 2020

NOIconVOI utilizza cookies per assicurarti la miglior esperienza di navigazione all'interno di questo sito.
Approfondisci
Ok